Epilessia nel cane: sintomi e cause

epilessia canina epilessia nel cane

Epilessia nel cane: sintomi e cause 

Il vostro cane ogni tanto ha improvvise crisi in cui ha disturbi motori e dopo ha un crollo evidente? Sta avendo un attacco epilettico.

Epilessia Canina. Perché succede? 

Si tratta di esplosioni anomale e incontrollate di attività elettrica nel cervello del cane, che causano convulsioni. Le crisi epilettiche possono apparire come manifestazioni di agitazione incontrollata, e possono durare da meno di un minuto a diversi minuti.

Cane e epilessia. Cosa può causare degli attacchi ?

  • Ingestione di veleno
  • Patologie del fegato
  • Glicemia troppo alta o troppo bassa
  • Malattie renali
  • Squilibri elettrolitici
  • Anemia
  • Lesioni cerebrali
  • Encefalite
  • Ictus
  • Neoplasie al cervello

Sintomi possibili di una crisi epilettica:

  • Collasso
  • Irrigidimento
  • Contrazioni muscolari
  • Perdita di coscienza
  • Perdita di saliva
  • Schiuma alla bocca
  • Morsi alla lingua

I cani, in questi casi, tendono a cadere di lato e a fare movimenti convulsi con le zampe. Talvolta, durante l’attacco, possono perdersi urine o feci.
Inoltre, alcuni cani prima di un attacco epilettico possono avere lo sguardo confuso, sembrare instabili, o fissare nel vuoto. Dopo l’attacco, invece, può abbassarsi temporaneamente la vista, possono essere disorientati o camminare in modo traballante o in cerchio, andando a sbattere contro gli oggetti.

Come avviene una crisi?

Il tipo più comune di crisi è quella generalizzata: in questo caso un cane, in preda alle convulsioni, può perdere coscienza. L’attività elettrica anomala avviene in tutto il cervello. Le crisi generalizzate, di solito, durano da pochi secondi a qualche minuto.

Con una crisi focale, invece, l’attività elettrica anomala avviene solo in una parte del cervello. Le convulsioni, in questo caso, possono provocare movimenti inusuali solo a livello di un arto o di un lato del corpo. A volte durano un paio di secondi, e possono iniziare come focali ed evolvere in crisi generalizzate.

Quando gli attacchi epilettici avvengono per cause sconosciute si parla di epilessia idiopatica. Di solito si verificano nei cani di età compresa fra i 6 mesi e i 6 anni. Ogni cane può essere soggetto a crisi epilettiche, ma l’epilessia idiopatica è più frequente nei Border Collie, nei Pastori Australiani, nei Labrador, nei Beagle e nei Pastori Tedeschi.

Cosa fare in casi di attacchi epilettici di un cane?

Innanzitutto bisogna mantenere la calma: se il vostro cane è vicino a qualcosa contro cui può farsi male, tipo mobili o scale, spostatelo delicatamente mettendolo al sicuro. State lontano dalla sua bocca, perché potrebbe mordere non volendo. Non mettetegli nulla in bocca, anche perché in quei momenti possono soffocarsi con la loro stessa lingua.

Se la crisi dura più di due minuti, il vostro cane è anche a rischio di surriscaldamento, per cui provate a mettergli un po’ di acqua fresca sulle zampine per calmarlo. Parlategli delicatamente e dolcemente, e accarezzatelo per rassicurarlo. Quando l’attacco finisce, chiamate il veterinario.

Se la crisi dura più di 5 minuti o se ne ha diverse di seguito e cade in stato di incoscienza, portatelo dal veterinario il prima possibile: più a lungo va avanti una crisi, più sale la temperatura corporea e più problemi respiratori può avere. Questo aumenta anche il rischio di danno cerebrale.

Il veterinario vorrà fare esami approfonditi per cercare le cause delle crisi epilettiche del vostro cane, e potrebbe anche prescrivere dei farmaci per controllarle. Seguite sempre attentamente e con cura le istruzioni del veterinario in caso di somministrazioni di farmaci.

Per qualsiasi dubbio o informazione Dogalize mette a disposizione un team di Veterinari disponibili a rispondere alle vostre domande. Cerca la sezione "Chiama il Veterinario" su Mobile App o "Chat Vet" sul sito www.dogalize.com

Richiedi informazioni
Assicurazione
Invio
×