Dogalize diventa poetica: Tagore e i cani

poetica

Dogalize diventa poetica: Tagore e i cani | Dogalize

Con questa magnifica poesia dell’indiano Tagore, premio Nobel per la letteratura del 1913, vogliamo iniziare una nuova poetica rubrica: le poesie.

Fateci sapere cosa ne pensate, e se avete suggerimenti, saremo ben felici di valutarli e pubblicarli!

“Ogni mattina il mio devoto cane
presso la sedia silenzioso aspetta,
finché io lo saluto con una carezza.
Mentre questo leggero omaggio riceve,
di gioia il suo corpo trasale.
Fra tutte le creature mute,
lui solo, penetrando il velo del bene e del male,
ha visto l’uomo per intero,
quell’essere per cui può dare la vita contento,
al quale senza fini può riversare amore,
da un opaco sentire che a stento
trova una via verso il mondo cosciente.
Quando l’offerta vedo di questo cuore muto
che supplicare sa del suo stesso bisogno,
non so immaginare quale raro valore
la sua saggezza pura trova nell’uomo.
Col suo silenzio guardare,
patetico, smarrito, che afferra
non può esprimere in parole…
Per me però rivela il vero significato
dell’Uomo, nello schema del Creato.”

If you’re curious about any news concerning dogs and other animals’ lifestyles, visit www.dogalize.com!

 

Richiedi informazioni
Assicurazione
Invio
×