Non tradire un amico!

b9357f40-2109-4dcb-bb08-23b4cb0bd3ec.jpg

Non tradire un amico! | Dogalize

In gabbia, dopo il tradimento. Soli. Tristi. Ma, con nel fondo del cuore, la speranza di una nuova occasione. E’ così che si sentono gli oltre 600.000 cani che, secondo le stime dell’associazione Gaia Animali & Ambiente, affollano i canili italiani.

Traditi e depressi. Come noi. Dove è la differenza?

La giornalista Manuela Donghi, vegetariana e da anni sensibile ai diritti animali, si è immedesimata nel loro dramma. E ha deciso di diventare testimonial di Gaia Animali & Ambiente, in collaborazione con Dogalize. “Perché testimonial di Gaia? E’ banale se rispondo perché amo gli animali più degli uomini?”, dichiara sorridendo. “Scherzi a parte, credo che dovrebbe essere automatico trattare gli animali come trattiamo gli esseri umani. Ma visto che così non è, ho voluto contribuire a dare un messaggio forte: “Io sono come loro, quindi se loro stanno in gabbia, ci sto anch’io!”.

Ecco allora “Non tradire un amico”, contro l’abbandono. Cui seguiranno altre campagne grazie alla collaborazione di due fotografi di personalità: Alberto Mori e Federico Laddaga, che hanno prestato gratuitamente la loro professionalità. “Gli animali ci coccolano, ci fanno giocare, fanno la guardia ai nostri beni e tanto altro. Sarebbe bello che ognuno di noi facesse un gesto di ringraziamento”, commenta Alberto Mori.

Sono 50.000 mila l’anno, secondo le più accreditate stime, gli abbandoni di cani in Italia. A cui si aggiungono altrettanti gatti. “Un fenomeno in lento calo, ma pur sempre agghiacciante”, sottolineano i volontari di Gaia Animali & Ambiente. “Il loro destino è vario: molti muoiono travolti dalle macchine, altri di stenti. Qualcuno viene adottato direttamente dalla strada, qualche altro -sono oltre 461.000 secondo i dati del Ministero della Salute- rimane randagio. La maggior parte finisce in canile, a carico dei Comuni o delle associazioni. Diciamo basta a questo tradimento!”.

Candy, l’altra “modella” di “Non tradire un amico”, è stata una dei 600.000 trovatelli in cerca d’adozione. E’ diventata mamma di 11 cuccioli il 31 dicembre, li ha partoriti nel fango e sotto la pioggia in Sardegna, frutto dell’ennesimo abbandono. Si trovavano in pericolo, così sono stati presi in carico dall’associazione Diamoci la Zampa di Milano. “I cuccioli hanno trovato tutti una casa. E alla fine è toccato anche a lei”, sottolineano i volontari di Gaia. Ha trovato una splendida famiglia che l’ha portata a casa ed è uscita dal Rifugio.

Per trovare i rifugi o i canili più vicini a te, cerca sulle nuove mappe Dogalize; per i canili e le associazioni, l’iscrizione è gratuita! Vai su http://petfriendly.dogalize.com/it/

di Edgar Meyer
presidente dell’associazione Gaia Animali & Ambiente Onlus
www.gaiaitalia.it

Richiedi informazioni
Assicurazione
Invio
×