Animali condominio: Cassazione Trieste convalida il sequestro preventivo

Animali condominio

Animali Condominio - La Sentenza della Cassazione

Animali Condominio: La corte ha disposto il sequestro preventivo dei cani di una condomina che è stata indagata per i reati di getto pericoloso di cose e disturbo della quiete pubblica. I reati sono puniti dagli art. 674 e 659 c.p.

L'indagata è stata accusata di immissione di rumori molesti e di cattivi odori nel condominio. Il tutto è stato causato da tre cani che erano custoditi nel cortile condominiale che è stato trasformato in un vero e proprio recinto per cani esterno

La situazione era presente da anni con il cortile e i cani lasciati in pessime condizioni igieniche.

Animali Condominio: La difesa

La difesa ha cercato invano di richiedere l'annullamento del sequestro dei cani .

La difesa ha indicato come:

  • abbaiare è un fatto naturale ed è frutto di istinto insopprimibile
  • Inquinamento acustico in questione ( rilevato dall'A.R.P.A) non era applicabile nel caso in oggetto
  • Le condizioni igieniche del cortile non mettevano a rischio la salute pubblica

Le Motivazioni per l'annullamento disponibili a questo link  Animali in condominio

Animali Condominio: La Sentenza

Il procuratore generale ha dichiarato infondato il ricorso e pertanto è stato rigettato convalidando il sequestro preventivo dei tre cani.

Il procuratore ha motivato la decisione dichiarando che: "il sequestro preventivo dei cani è legittimo: si tratta di cose pertinenti ai reati contestati la cui disponibilità da parte dell'indagata può protrarre la loro consumazione"

Le motivazioni del rigetto e convalida del sequestro sono disponibili a questo link Animali in condominio

Segui le news del mondo animali e i diritti degli animali oppure scarica l'ebook Gratuito Dogalize Lex sui diritti e doveri animali

 

Richiedi informazioni
Assicurazione
Invio
×