La stricnina e la sua elevata tossicità per gli animali

La stricnina e la sua elevata tossicità per gli animali

La stricnina e la sua elevata tossicità per gli animali

La stricnina è un incolore, alcaloide cristallino di elevata tossicità, utilizzato come pesticida, in particolare per l’uccisione piccoli vertebrati come uccelli e roditori. In caso di inalazione, ingestione o assorbimento attraverso gli occhi o la bocca, provoca un avvelenamento che si traduce in convulsioni muscolari e infine la morte attraverso l’asfissia. Mentre non ha effetti medicinali noti, in passato l’effetto convulsivante stato ritenuto utile in piccole dosi. La fonte più comune è dai semi della Nux vomica-albero Strychnos.

Il rischio avvelenamento

L’avvelenamento da stricnina in animali di solito si verifica da ingestione di esche progettate per l’uso contro roditori, talpe, e coyote. Viene usata anche come rodenticida, ma non è specifica per tali parassiti indesiderati e può uccidere altri piccoli animali. Negli Stati Uniti, la maggior parte delle esche contenenti stricnina sono state sostituite con esche di zinco fosfuro dal 1990. Nei Paesi Bassi, rodenticidi con stricnina sono proibiti.

Gli animali a cui è indifferente

Alcuni animali sono immuni da stricnina, di solito si tratta di specie come pipistrelli della frutta che si sono evoluti resistenza alla alcaloidi velenosi nel frutto che mangiano. Il coleottero farmacia ha un lievito intestino simbiotico che gli permette di digerire la stricnina puro.

La sua tossicità

La tossicità nei ratti dipende dal loro sesso. E’ più tossico per le femmine rispetto ai maschi quando somministrato per via sottocutanea o iniezione intraperitoneale. Le differenze sono dovute a più alti tassi di metabolismo di microsomi di fegato di ratto di sesso maschile.

Cani e gatti sono più sensibili tra gli animali domestici, i maiali sono da ritenersi come sensibili come cani e cavalli sono in grado di tollerare quantità relativamente elevate di stricnina. Gli uccelli affetti da stricnina avvelenamento da esposizione ala caduta, salivazione, tremori, tensione muscolare, e convulsioni. La morte si verifica a causa di arresto respiratorio. I segni clinici di avvelenamento da stricnina si riferiscono ai suoi effetti sul sistema nervoso centrale.

I segni da avvelenamento

I primi segni clinici di intossicazione includono nervosismo, irrequietezza, spasmi dei muscoli, e rigidità del collo. Come l’avvelenamento progredisce, il spasmi muscolari diventa più pronunciato e convulsioni appaiono improvvisamente in tutti i muscoli scheletrici. Gli arti sono estese e il collo è curvo a opistotono. Le pupille sono ampiamente dilatate. Come la morte si avvicina, le convulsioni si susseguono con maggiore rapidità, la gravità e la durata. I risultati sono la morte da asfissia per la paralisi prolungata dei muscoli respiratori. Dopo l’ingestione di questo veleno, i sintomi generalmente avvengono entro 15-60 minuti.

Richiedi informazioni
Assicurazione
Invio
×