Razze Feline: il Gatto Burmese carattere e caratteristiche

razze di gatto Burmese razze di gatti

Storia del gatto 

I gatti della razza Burmese derivano da una gatta birmana, il cui nome era Wong Mau, trasferita in America intorno agli anni ’30 quando fu incrociata con un esemplare di gatto Siamese e i suoi discendenti. Dalla cucciolata, tra gli altri, nacque un esemplare di gatto che avrebbe dato il via alla razza Burmese caratterizzato dal mantello color marrone scuro e le estremità leggermente colorate. La razza Burmese ottenne il riconoscimento ufficiale nel 1936 dal CFA e in America quasi 30 anni dopo.

Caratteristiche del gatto Burmese

Vi sono due varianti diverse della razza di gatta Burmese: quella Americana e quella Inglese. Nella prima il muso si presenta di forma tonda, con i lineamenti dolci, mentre la sua corporatura è media, raggiungendo i 5 kg per gli esemplari maschili e i 3 per quelli femminili. Il gatto Burmese Inglese invece si presenta più longilineo e la colorazione del suo mantello varia a seconda della sua variante: si passa dal marrone caldo dello Zibellino, al blu-grigio, anche se non mancano le colorazioni più chiare tendenti al grigio, all’albicocca, lilac e crema o il blu e crema della versione Squama Zibellino.

Il carattere del gatto Burmese

Il gatto appartenente alla razza Burmese possiede un carattere estremamente gestibile: esso infatti è molto tranquillo e socievole, anche se è un gran giocherellone. Non ha alcun problema a vivere in appartamento, a patto che i suoi padroni gli prestino attenzioni e coccole.

Le sue cure

Per mantenere un gatto Burmese in buona salute e con un aspetto perfetto non è necessario ricorrere a particolari stratagemmi: basta infatti periodicamente dedicare un po’ del proprio tempo a curare il suo mantello passandoci sopra un panno di lana inumiditi da una soluzione di acqua e aceto. Così facendo il pelo risulterà lucido e in ordine.

La sua alimentazione

Vista la sua predisposizione alle intolleranze alimentari, il cibo sottoposto ad un gatto Burmese non deve variare molto, in particolar modo nei periodi legati al suo svezzamento o alla sua gravidanza. Inoltre potrebbe soffrire di stipsi: per ovviare a questo problema periodicamente gli si può somministrare dello yogurt.

La riproduzione del gatto Burmese

Una gatta di razza Burmese può riprodursi a partire dal primo calore, che avviene intorno all’8° mese di vita, e dalla sua gravidanza nascono 4 cuccioli.

 

Scopri le caratteristiche e differenze delle altre razze feline.

Stai per adottare un micio ? Hai bisogno di un consiglio?

Contatta gratuitamente gli educatori e i veterinari di Dogalize: sono a tua disposizione gratuitamente via chat

 

 

 

No Comments Yet

Comments are closed

Richiedi informazioni
Assicurazione
Invio
×