Ultrasuoni per cani: a cosa servono e come funzionano

Ultrasuoni per cani: a cosa servono e come funzionano

Ultrasuoni per cani: a cosa servono

Gli ultrasuoni per cani possono risultare utili per chiamare gli animali da una determinata distanza e abituarli a rispondere ai nostri comandi. Lo strumento ad ultrasuoni per cani più utilizzato è il fischietto, all’inizio usato per i cani da lavoro, cani da caccia e cani da pastore, ma ad oggi utilizzato anche per educare il cane di casa. Come funziona il fischietto ad ultrasuoni? Scopriamolo insieme.

Ultrasuoni per cani: come funzionano

Il fischietto ad ultrasuoni per cani serve per far capire all’animale che al fischio è associato un determinato comportamento. In questo caso, anche se il cane è molto distante, al suono del sibilo sa cosa deve fare. Per capire come funziona il fischietto ad ultrasuoni bisogna sapere che l’udito dei cani è soggetto a frequenze diverse rispetto alle nostre. Un buon fischietto ha un range tra i 5.000 e 13.000 Hz, dato reperibile dalla scatola del fischietto, che risulta acuto per noi umani risulterà ma di basso volume, mentre per i cani è forte e perfettamente udibile. Infatti, i cani sono in grado di percepire suoni compresi tra 10 e i 50.000 Hz. Quindi, il fischietto ad ultrasuoni per cani raggiunge gli animali con un suono forte anche attraverso lunghe distanze.

Ultrasuoni per cani: come utilizzare il fischietto

Esistono diversi tipi di fischietti ad ultrasuoni in commercio e ognuno di essi ha le proprie caratteristiche. Alcuni fischietti consentono di scegliere le frequenze di suono mentre altri sono mono frequenza. Per abituare l’animale è consigliabile cominciare con un fischietto mono frequenza, far associare al cane il fischio, poi attendere che il cane sia distratto, emettere un fischio e dopo che il cane vi ha raggiunto premiatelo per fargli capire che ha azzeccato. In questo modo il cane ha capito che al vostro comando deve tornare.

Richiedi informazioni
Assicurazione
Invio
×