Come addestrare un cane per ciechi e per difesa personale

Come addestrare un cane per ciechi e per difesa personale

Come addestrare un cane per ciechi e per difesa personale

Il cane è conosciuto come un compagno di vita sincero e affidabile, sono tante le persone che condividono le loro giornate con un animale domestico. Per alcune persone però il cane diventa una vera e propria guida e uno strumento di difesaAddestrare un cane per ciechi e addestrare un cane per difesa personale, è essenziale per fornire ai non vedenti un accompagnatore leale, fedele e soprattutto che possa guidarlo e difenderlo nel mondo esterno. I non vedenti, possono infatti essere vittime di ostacoli improvvisi sulla strada e perfino di malintenzionati che magari vogliono derubarli, per questo motivo è necessario insegnare al cane non solo ad essere una guida ma anche a difendere il suo padrone.

Addestrare un cane per ciechi: come farlo

Addestrare un cane per ciechi è un lavoro lungo, che è necessario iniziare da quando il cane è cucciolo. In questo modo, quando arriverà a compiere un anno, il cane potrebbe già iniziare ad essere il compagno di un non vedente.

All’inizio, prima di affidare alle cure di un non vedente il cane, si porta il cucciolo o in un centro di addestramento, o lo si addestra personalmente per poi donarlo a chi né necessita. Prima di addestrare un cane per ciechi, s’inizia con l’insegnare al cane i richiami di addestramento base come: Stai seduto, in piedi, vieni qui, stai fermo li, ecc…

Fino ai sei mesi di vita solitamente s’insegnano al cane tutti questi comandi, dopo di ché bisognerà insegnarli come comportarsi per essere un compagno di vita utile a un non vedente. Solitamente i cani femmina sono delle accompagnatrici migliori dei cani maschi, questo perché il loro istinto naturale le porta solitamente a guidare e porre attenzione ai cuccioli.

Per riuscire a insegnare al cane come comportarsi con un non vedente dovete fingere voi stessi di essere ciechi e mettere ostacoli davanti al cane, creare tutte le situazioni nelle quali un cieco possa trovarsi, creare delle parole chiave che possano far comprendere al cane se il proprio padrone sta bene, si sta sentendo male o è in pericolo. Addestrare un cane per ciechi come ben vedete non è una passeggiata e se volete che il cane si adoperi al meglio per il suo padrone non vedente è bene addestrarlo nel migliore dei modi, seguendo corsi di addestramento specifici o portandolo da un addestratore autorizzato.

Come addestrare un cane per difesa personale

Quando si addestra un cane per ciechi è bene che questo sia stato addestrato anche per la difesa personale. Infatti i non vedenti, possono essere vittime del mondo esterno e per questo motivo il cane deve riuscire a proteggerli da tali minacce.

Addestrare un cane per difesa personale, vuol dire innanzi tutto, insegnare al cane ad avere un atteggiamento prepositivo verso l’addestramento, quindi se si inizia a insegnargli i comandi da quando sono cuccioli, potrete veramente fare un ottimo lavoro con il cane, e renderlo perfetto per la difesa personale.

Dopo l’addestramento di base che compete tutti i cuccioli che devono diventare dei cani per la difesa personale, bisogna iniziare a trasmettere al cane quali sono i pericoli che possono turbare il loro padrone, ad esempio si può insegnare loro ad allontanare gli estranei che si avvicinano, oppure insegnargli ad abbaiare se vede il fuoco o del fumo ecc…Sono tanti i pericoli che possono essere salvaguardati dal cane l’importante è addestrarlo nella maniere più corretta possibile, insegnandogli anche ad abbaiare in un modo per segnalare i pericoli, in un altro per quando gioca o vuole esclusivamente comunicare.