Cane che ringhia: ecco le possibili motivazioni

Cane che ringhia: ecco le possibili motivazioni

Cane che ringhia: ecco le possibili motivazioni

Quali sono i motivi per cui il cane ringhia? Come ben sappiamo, i cani non parlano ma comunicano con il corpo e quindi con la coda, gli occhi, le orecchie, il modo di porsi e i suoni. Infatti, oltre all’abbaio c’è il ringhio che non è ben visto e fa pensare a situazioni pericolose per gli umani. Un cane che ringhia non dà certo una bella impressione e il primo pensiero è che le sue intenzioni hanno a che fare con qualcosa di tragico, ma in realtà non è sempre così. Con il ringhio l’animale ci vuole lanciare un messaggio o un avvertimento su una determinata circostanza che lo disturba. Un cane che ringhia di continuo ci vuole quindi avvisare di qualcosa che ancora non si è risolto. Purtroppo, la maggior parte delle volte il ringhio del cane è frainteso e provvediamo a farlo smettere, ottenendo il risultato opposto, ovvero quello di far capire all’animale che non deve avvisare. Molto spesso capita anche che l’animale non avvisa e passa invece direttamente al morso. Quali sono le motivazioni per cui il cane ringhia? Vediamo di capire il perché.

Cane che ringhia: tanti i motivi che suscitano il ringhio nel cane

Come abbiamo già detto, un cane che ringhia può voler dare un avviso, un avvertimento. I cani ringhiano per diversi motivi, di cui alcuni possono essere definiti normali, mentre altri possono essere non compatibili con una serena convivenza. Quindi, se proprio volete correggere il vostro cane che ringhia, fatelo in modo che sia correlato alla ragione per cui lo fa, e non correggete la ringhiata in se. Tra i motivi principali per cui un cane ringhia vi può essere la paura di un altro cane, di un altro animale, di una persona oppure di un oggetto. In questo caso il cane ringhia nel tentativo di respingere ciò che ha provocato la sua paura.

Un altro motivo per cui il cane ringhia può essere un problema medico: ad esempio, se quando lo si tocca o accarezza ringhia, allora può avvertire molto dolore. Anche la maternità o le gravidanze rendono le femmine più protettive e quindi più propense al ringhiare per allontanare animali o persone. Un’altra ragione che può far ringhiare il cane è quella di essere gestito con modi bruschi, come ad esempio essere
preso per il collare, o magari anche quando gli si tagliano le unghie o gli si pare la bocca. Talvolta ringhia anche quando lo soffochiamo di baci e coccole, ma anche per difendere qualcosa a cui tiene tanto, come il cibo o una persona a lui cara. Infine, possiamo vedere un cane che ringhia se qualcuno invade il suo spazio e cerca di sottrarglielo.

Cane che ringhia: l’uomo ha la totale responsabilità

Il modo di comunicare dei cani, come già detto, è attraverso il corpo, e i suoi segnali possono essere capiti ma possono anche non arrivare. Infatti, ci sono essere umani che capiscono subito e quelli che non capiscono nulla, o ancora quelli che non si curano affatto di capire cosa ha voluto dire il cane con il ringhio. Nella relazione tra cane e umano la maggiore responsabilità è dell’umano. E’ lui che appena sente il ringhio deve reagire e agire a seconda della situazione. La prima cosa che deve fare l’uomo è evitare il morso che può arrivare successivamente al ringhio. Poi, deve capire il motivo della ringhiata e risolvere il problema che ha causato il ringhio al cane. Per non far stressare l’animale è comunque consigliabile rivolgersi ad un esperto cinofilo riguardo a comportamenti anomali che possono impedire una serena convivenza.