Teramo: cane veglia su compagno morente

Teramo: cane veglia su compagno morente

Teramo: cane veglia su compagno morente

Scena straziante a Teramo, dove un cane veglia su compagno morente, cercando di svegliarlo, mettendo la sua zampa sull’animale privo di forze. Un cittadino ha segnalato l’accaduto e sono intervenute prontamente le Guardie Ambientali Gadit per cercare di mettere in salvo i due cani.

Cane veglia su compagno morente, senza mai lasciarlo

Il passante che ha segnalato l’accaduto ha assistito a una scena straziante: un cagnolino, infreddolito e in stato di ipotermia, vegliava su un altro cane morente, privo di forze e sdraiato in strada. Alla vista dei due animali, sono stati avvertiti da subito i soccorsi, che non hanno aspettato a intervenire.

Arrivate sul posto, le Guardie Ambientali Gadit di Teramo, come ha raccontato il presidente Gaetano Ercole, hanno trovato uno dei due poveri animali già senza vita, mentre l’altro gli rimaneva accanto, mettendogli una zampa sul corpo, come a volerlo proteggere e svegliare.

Il cagnolino sopravvissuto non ha abbandonato mai l’amico e gli è stato vicino tutto il tempo delle operazioni di soccorso. E’ stato messo a fatica sui mezzi di trasporto, poichè non voleva lasciare il suo compagno.

Il passante che ha avvistato i due cani ha subito avvertito le Guardie Ambientali Gadit e ha provato a prestare i primi soccorsi agli animali, in attesa del loro arrivo. Il cane adulto era morente e privo di forze, mentre il cagnolino più giovane gli è rimasto accanto per ore, senza neanche voler mangiare. All’arrivo dei soccorsi il povero animale era già morto.

Il cane più giovane è stato alla fine portato dal veterinario dove è in cura. Non si conosce la provenienza dei due animali e vi sono indagini in corso per capire cosa può essere acccaduto e se i due cani fossero stati abbandonati. Il cagnolino sopravvissuto, una volta rimesso in sesto, verrà messo in adozione. Per conoscere le sue condizioni di salute è possibile visitare il sito delle Guardie Ambientali Gadit di Teramo.