Alimentazione dei cuccioli di gatto: le regole da seguire

Alimentazione dei cuccioli di gatto: le regole da seguire

Alimentazione dei cuccioli di gatto

L’alimentazione dei cuccioli di gatto è senza dubbio diversa da quella dei gatti adulti. Accuditi dalla mamma gatta sin dalla nascita fino ai tre mesi, i cuccioli di gatto cominciano lo svezzamento progressivo a partire dalla quarta settimana, quando iniziano ad esplorare l’ambiente esterno. Oltre all’allattamento della mamma, oppure nel caso questo sia impossibile, è necessario ricorrere all’allattamento artificiale. Ecco alcuni consigli da seguire per una corretta alimentazione dei cuccioli di gatto.

video: gattino che beve il latte

Alimentazione dei cuccioli di gatto: dieta sana ed equilibrata

L’alimentazione dei cuccioli di gatto deve essere principalmente sana ed equilibrata e deve consentire loro di crescere in maniera corretta. I cuccioli in genere devono mangiare regolarmente, con un intervallo tra un pasto e l’altro che varia da 2 a 6 ore a seconda dell’età: in media, da 0 a 10 giorni devono mangiare ogni 2 ore durante il giorno, ogni 3 ore la notte; da 10 a 15 giorni devono mangiare ogni 3 ore durante il giorno, ogni 4 ore la notte; da 15 a 20 giorni devono mangiare ogni 4 ore durante il giorno, ogni 5 ore la notte; da 20 a 30 giorni devono mangiare ogni 5 ore durante il giorno, ogni 6-7 ore la notte.

I pasti, anche se frequenti, non sono mai troppo abbondanti e la quantità di latte aumenta all’aumentare del peso dei cuccioli. Di solito attorno alle 2 settimane i cuccioli pesano all’incirca tra i 100 e i 150 g e devono assumere 30-40 g di latte; a 5 settimane, 80-90 g di latte. I cuccioli di gatto crescono velocemente e il loro peso aumenta dal 5 al 10% ogni giorno. Nel caso in cui i gattini non possono essere allattati da mamma gatta è necessario somministrare l’allattamento artificiale utilizzando latte in polvere specifico per gattini facilmente reperibile in commercio. Tra le 4 e le 6 settimane di vita, i cuccioli di gatto sono pronti per lo svezzamento e giunge quindi il momento di somministrare un’alimentazione solida, ma sempre adatta alla loro condizione di cuccioli.

video: gattino che beve dal biberon

Alimentazione dei cuccioli di gatto: da variare gradualmente

Il cambiamento nell’alimentazione dei cuccioli di gatto deve avvenire gradualmente e mai all’improvviso. Anche il passaggio dalla dieta a base di latte ad una più solida deve essere fatto in maniera graduale, sostituendo pian piano i pasti prima solo una volta al giorno fino al completamento del regime alimentare. La poppata deve essere integrata con alimenti digeribili e tali da assicurare ai gattini il fabbisogno nutritivo quotidiano. Gli alimenti devono essere ammorbiditi e sminuzzati con cura, in modo da favorire la masticazione considerato che ancora i cuccioli non hanno i denti molto forti e quindi non possono spezzare alimenti duri.

Sono privilegiati gli alimenti a base di carne frullata, omogeneizzati di pollo e vitello, cereali, pesce ben cotto e tagliato a pezzettini e alimenti specifici per cuccioli di gatto che potete reperire facilmente in commercio. Per quanto riguarda il tipo di alimentazione, se casalinga o commerciale, è indifferente e spetta a voi decidere se somministrare l’una o l’altra, o alternarle, l’importante è sempre mantenere il fabbisogno quotidiano necessario per la corretta crescita dei cuccioli.

Dopo lo svezzamento, i cuccioli di gatto hanno bisogno di una dieta ricca di calcio e di fosforo, di vitamine, proteine, sali minerali che assicurano un corretto sviluppo delle ossa, dei denti e dei muscoli. Indispensabile è la taurina, una sostanza che favorisce la crescita lucida e liscia del pelo. Se scegliete l’alimentazione commerciale, esistono cibi confezionati opportunamente equilibrati, che assicurano un apporto calorico corretto. Badate bene di scegliere cibi di qualità e con i nutrienti necessari ai cuccioli, controllate sempre le etichette per accertarvi dell’affidabilità dei prodotti.

video: gattini che mangiano