Istituto Veterinario di Novara: intervento unico al mondo

Istituto Veterinario di Novara: intervento unico al mondo

Istituto Veterinario di Novara: intervento chirurgico unico al mondo

All’ Istituto Veterinario di Novara è stato effettuato un intervento di cardiochirurgia unico al mondo.

La storia di Filippo

Filippo è un cane Pitbull di 2 anni che è stato portato presso il dipartimento di Cardiologia dell’ Istituto Veterinario di Novara in condizioni molto critiche. L’animale era affetto da una rara e grave patologia cardiaca, presente dalla nascita, che gli impediva di ossigenare il sangue e di portare nutrimento a tutti gli organi del corpo.

Tale patologia complessa consisteva in una malformazione dell’atrio destro (cor triatriatum dexter) associata ad un difetto interatriale che determinava il passaggio di sangue non ossigenato nella circolazione arteriosa sistemica. Inoltre, Filippo era affetto da una patologia a carico dell’arteria polmonare, chiamata stenosi polmonare, che peggiorava la sua situazione clinica riducendo ulteriormente l’ossigenazione sanguigna. Il cane era dimagrito molto a causa di questa malattia e si affaticava facilmente.

Istituto Veterinario di Novara: l’approccio integrato da adottare

Per potergli salvare la vita c’era un’unica chance: studiare il caso multidisciplinarmente ed elaborare un approccio integrato tra cardiologia interventistica, cardiochirurgia, diagnostica per immagini, anestesia e terapia intensiva.

In tal senso l’organico dell’Istituto Veterinario di Novara, che vanta veterinari specialisti a livello europeo, tra le altre specialità, in ambito di Cardiologia e Cardiochirurgia e Diagnostica per Immagini ha consentito questo approccio.

In particolare, il Dott. Edoardo Auriemma, Responsabile del Servizio di Diagnostica per Immagini ha svolto una TC cardiaca “ECG-gated” che consente di visualizzare il cuore in fase di riempimento diastolico, essendo l’apparecchio TC sincronizzato con l’ECG del paziente. Con questa tecnica, mirata specificatamente per uno studio del cuore, le immagini risultano essere ad alta definizione e prive di artefatti da movimento dell’organo. Tale procedura è risultata essenziale per l’approccio chirurgico successivo che l’equipe di cardiologi interventisti, anestesisti, perfusionisti e cardiochirurghi ha eseguito in due tempi, tramite due interventi svolti a distanza di due mesi l’uno dall’altro.

Istituto Veterinario di Novara: intervento unico al mondo

Gli interventi chirurgici

Il primo intervento è stato svolto dal cardiologo Dott. Oriol Domenech che, tramite l’utilizzo di un catetere a palloncino, ha migliorato il problema della stenosi dell’arteria polmonare creando così le condizioni per poter intervenire a livello cardiaco all’equipe cardiochirurgia.

A due mesi di distanza dal primo intervento, il 21/01/2017, l’equipe di cardiochirurgia del Dott. Stefano Nicoli, coadiuvata dall’anestesista Vincenzo Rondelli, ha corretto la patologia cardiaca complessa ristabilendo il normale circolo ed una corretta ossigenazione del sangue.

L’intervento si è svolto a cuore non battente e tramite l’utilizzo della macchina cuore-polmone, che sostituisce le funzioni vitali di questi due organi durante la chirurgia. In questo modo il cuore può essere fermato con una soluzione apposita, e il chirurgo ha il tempo necessario per intervenire e correggere il difetto.

Innovazione per la cardio-chirurgia veterinaria

Tale intervento, avvenuto con successo, è una grande innovazione per la cardio-chirurgia veterinaria. “E’ un grande passo per la medicina veterinaria, un’altra arma a nostra disposizione per salvare pazienti critici”, dice il Dott. Oriol Domenech, responsabile del Dipartimento di cardiologia dell’Istituto Veterinario di Novara, nonché coordinatore del reparto di cardio-chirurgia presso lo stesso centro.

Dopo la procedura, Filippo è stato ricoverato presso l’Istituto Veterinario di Novara  per alcuni giorni, e seguito nel Dipartimento di Terapia Intensiva, diretto dal Dott. Marco Pesaresi da cui è stato dimesso in data 28/01/2017. Filippo è tornato a casa e gode di ottima salute circondato dall’affetto dei suoi padroni.

Grazie a questo intervento Filippo potrà continuare a vivere e correre felice, portando la speranza a tutti quegli amici a 4 zampe che, come lui,  sono nati con gravi patologie cardiache, ma che potranno potenzialmente essere curati.