Megacolon nel gatto: cause, sintomi, diagnosi e cura

Megacolon nel gatto: cause, sintomi, diagnosi e cura

Megacolon nel gatto

Il megacolon nel gatto è una malattia molto particolare che può colpire i nostri amici felini. In particolare, con il termine megacolon intendiamo un aumento del diametro del colon. Aumento che, ovviamente, causa la mancata emissione di feci che si accumulano nell’intestino che, a sua volta, si dilata ulteriormente.

Quali sono le case del megacolon?

Non sono ancora del tutto note le cause che determinano l’insorgenza del megacolon nel gatto. In alcuni casi, è possibile assistere a forme acquisite di megacolon determinate, ad esempio, dalla sindrome da disautonomia felina, da ipercalcemia, dall’iperparatiroidismo nutrizionale secondario, dall’ingestione di ossa o erba, da neoplasie oppure da fratture pelviche.

Le tipologie di megacolon

In veterinaria si distinguono due tipologie di megacolon: quello ipertrofico e quello dilatativo. Il secondo tipo, in particolare, è una naturale evoluzione di quello ipertrofico e si manifesta dopo almeno sei mesi di persistenza e terapia mancante. Il megacolon, in questa fase, è irreversibile.

I sintomi che accompagnano il megacolon

Il megacolon è accompagnato da alcuni sintomi ben riconoscibili. La sintomatologia è la seguente: stipsi ricorrente, stipsi alternata a diarrea, vomito, tenesmo, anoressia, perdita di peso, disidratazione, dolori colici, linfonodi intestinali reattivi.
In presenza di megacolon, il gatto trascorre molto tempo sulla lettiera non riuscendo comunque ad evacuare. Inoltre, se il gatto è affetto dalla sindrome da disautonomia felina, tra i sintomi potremmo osservare anche incontinenza urinaria, incontinenza fecale, megaesofago con rigurgito, midriasi, bradicardia e procidenza della terza palpebra.

Megacolon nel gatto: la diagnosi

Il megacolon nel gatto può essere diagnosticato tramite anamnesi, visita clinica, radiografia ed ecografia. Quando il veterinario sospetta la presenza di megacolon nel gatto, potrebbe decidere di sottoporre il felino anche ad esame neurologico, specialmente se sospetta questa come causa. Nel megacolon agangliare, in particolare, si può giungere ad una diagnosi certa soltanto attraverso la biopsia del colon.

Megacolon nel gatto: la terapia

La terapia del megacolon è molto variabile e può dipendere dalle condizioni di salute del gatto stesso. In particolare, se la stipsi è lieve, il veterinario modificherà la dieta del gatto ed aumenterà l’assunzione di fibre e di acqua. Potranno essere utili clismi e lassativi oppure farmaci pro cinetici che aiuteranno il gatto a superare i singoli episodi di stipsi.
Se, invece, il gatto ha un blocco intestinale grave, allora il veterinario dovrà estrarre le feci manualmente: in molti casi, è necessario sedare il felino per poter portare a termine con successo l’operazione. Infine, nei casi più gravi e quando il colon sia irrimediabilmente dilatato ed acinetico, il veterinario potrà consigliare l’unica strada percorribile ovvero la colectomia.