Mike Tyson e il suo grande amore per i piccioni

Mike Tyson e il suo grande amore per i piccioni

Mike Tyson

L’amore di Mike Tyson per i piccioni è una storia che dura da tanto tempo. Come ha detto anche in diverse interviste lo stesso pugile, e in particolare in un documentario andato in onda sui canali Sky, la sua passione per i piccioni e per le gare con questi uccelli è nata sin da quando era piccolo. Mark Tyson abitava a Brooklyn, un quartiere di New York dove i piccioni erano molto popolari. Nella sua mente sono vividi i ricordi di come puliva le gabbiette, di come li allevava e di tutto ciò che faceva per accudirli. Pian piano era diventato un vero allevatore di piccioni.

Soprannominato Iron Mike, Mike Tyson è considerato uno dei migliori pesi massimi nella storia del pugilato ed è stato uno dei picchiatori più temibili nella storia della divisione. Il grande pugile occupa la 16ª posizione della classifica dei “100 più grandi picchiatori di sempre” ed è noto anche per i suoi comportamenti sia dentro che fuori dal ring. Nominato Fghter of the year da Ring Magazine nel 1986 e 1988, il pugile è incluso nella International Boxing Hall of Fame e World Boxing Hall of Fame.

Tra piccioni e gabbiette nacque la passione per la boxe

L’abitudine nel quartiere dove Tyson viveva era talmente radicata che anche lui cominciò quindi ad occuparsi dei piccioni. E fu anche grazie a loro che scoprì di aver un pugno forte e deciso. Infatti, fu per vendicarsi di un bullo che aveva ucciso uno dei suoi amati piccioni che il pugile americano diede il suo primo pugno. E tra gabbie e piccioni, cominciò a coltivare il sogno di diventare un pugile.

Non perderti i nostri articoli.

La passione per i volatili

Anche a distanza di anni la vista dei piccioni fa molto piacere al pugile e oggi, dopo aver concluso una carriera lunghissima e aver combinato anche qualche guaio nella vita privata, Mike sostiene che la loro presenza lo fa rilassare. Quando li sente sul tetto della sua casa dove il pugile vive, nel Jersey, entra nella gabbia e libera gli uccelli: questo gesto gli dà una piena sensazione di libertà e gli fa dimenticare tutte le cose brutte della vita, infondendo nel suo cuore una gran pace. Secondo Tyson, proprio per questo i piccioni sono il simbolo della pace. La sua empatia per i piccioni, nata quindi tantissimi anni fa, è continuata nel tempo e anche se oggi non li alleva ha molta simpatia per loro. Al posto dei piccioni, il pugile ha preferito allevare altri tipi di volatili come pappagalli o canarini e adora ogni tanto lasciarli liberi.