Gatto del bengala adulto, caratteristiche e prezzo

Gatto del bengala adulto, caratteristiche e prezzo

Gatto del bengala adulto

Amante dell’acqua e con il caratteristico mantello maculato, il gatto del bengala adulto è un animale affascinante e adatto da tenere tra le mura domestiche. La razza è piuttosto recente ed è stata ufficialmente riconosciuta nel 1991. Il gatto è il risultato di un incrocio ottenuto da un gatto domestico con un felino selvatico (il gatto leopardo). L’idea di far accoppiare il gatto leopardo asiatico con il gatto domestico è venuta a Jean Sudgen, un californiano che nel 1963 ha voluto provare questo esperimento per conservare alcune caratteristiche del gatto leopardo. Lo stesso tentativo è stato ripetuto nel 1973 dal Dr. Centerwall allo scopo di studiare la resistenza del gatto leopardo alla leucemia virale felina. Nonostante gli esiti non portarono a nulla di concreto, in compenso l’ibridazione servì a creare il Bengala. I primi esemplari nati da quell’incrocio avevano un carattere nervoso e selvatico e solo molto tempo si ottennero gatti dal carattere più dolce e mite. Scopriamo tutte le caratteristiche del gatto del bengala adulto.


Gatto del bengala adulto: aspetto e caratteristiche

Muscoloso e robusto, il gatto del bengala adulto ha forma allungata, corpo massiccio e potente, testa di forma triangolare, mento prominente, profilo abbastanza diretto, faccia lunga e cranio tondo verso la schiena. Le orecchie sono piccole, larghe alla base e tonde in punta, gli occhi sono grandi e tondi, leggermente a mandorla e di tutti i colori. La coda è di media lunghezza, spessa e con la punta arrotondata, e il mantello è corto e aderente al corpo, liscio e setoso, che caratterizza questo splendido animale.

I maschi di questa razza possono arrivare a pesare 8-9 kg, mentre le femmine arrivano intorno ai 6 kg. In generale il gatto del Bengala adulto può essere a macchie o striato: nel primo caso le macchie spiccano sul colore di fondo e sulla fronte portano impressa una caratteristica “M”, nel secondo caso presenta disegni allungati sempre in contrasto evidente con il colore di fondo. Tra le tinte più note o curiose vi sono il Bengala Sorrel, che presenta la base di colore giallo arancio con macchie marroni, cioccolato o cannella, e occhi verdi o gialli, il Seal Linx Point e il Tabby Seal Mink Sepia definiti anche “delle nevi”, le cui striature si completano solo dopo un anno e mezzo, il Marbled con 3 tre righe parallele molto larghe sul dorso e le ali di farfalla sulle spalle e sui fianchi, e tanti altri.

Non perderti i nostri articoli.

Gatto del bengala adulto: temperamento, alimentazione e prezzo

Curioso e intelligente, il gatto del bengala adulto è un animale dolce e affettuoso, attivo e instancabile e socievole sia con l’uomo che con gli altri animali. Anche se ama gli spazi all’aperto, può stare anche in appartamento, ma è necessario lasciargli ampia libertà per circolare tra le varie stanze di casa. Infatti, la sua iperattività è irrefrenabile ed è consigliabile procurargli un tiragraffi verticale per dargli la possibilità di sgranchirsi e allenarsi. Non occorre spazzolare troppo di frequente il mantello, basta farlo regolarmente solo durante la muta per mantenerlo pulito e senza peli morti. L’alimentazione deve essere equilibrata perché il gatto del bengala adulto ha una digestione un po’ delicata: quindi, al cibo in scatola occorre alternare pollo crudo o carne cruda non troppo grassa, evitando latte e derivati.

Il prezzo del gatto del bengala adulto è piuttosto alto e può arrivare a costare anche 2500 euro. Il motivo di questi costi apparentemente esagerati è legato all’attento lavoro di selezione della razza, che richiede tempo e cure. In ogni caso, se si decide di allevare un gatto del bengala è meglio rivolgersi ad una struttura seria e affidabile, che sia in grado di garantire provenienza e manutenzione dell’animale.