Una statua per Camilla, cane eroe morta in un soccorso

cane eroe

Una statua al cane eroe

L’ ultimo soccorso è stato fatale per Camilla, cane eroe a cui Amatrice ha deciso di dedicare una statua in onore del suo grande valore e coraggio dimostrato nelle missioni di salvataggio. Camilla aveva otto anni (da sette anni lavorava a fianco dei vigili del fuoco) ed era un border collie del nucleo cinofilo dei vigili del fuoco del territorio della Liguria. È deceduta lo scorso cinque giugno cadendo in un dirupo nel corso di una operazione di soccorso nelle campagne presso Bergeggi (in provincia di Savona), alla ricerca di una persona dispersa. Rimasta ferita in modo grave, subito era stata portata alla clinica veterinaria più vicina ma non c’ è stato nulla da fare: è scomparsa dopo poco tempo. È una vera eroina, morta con coraggio mentre faceva il proprio dovere, ciò per cui era stata addestrata ovvero salvare le vite. Aveva partecipato a numerose operazioni, ad esempio dopo il terremoto ad Amatrice, dopo le alluvioni a Genova.

Non perderti i nostri articoli.

Camilla, un simbolo per Amatrice

Questa bellissima cagnolina è stata eletta da Amatrice a simbolo della ricerca dei dispersi nelle giornate che seguirono al terremoto che aveva devastato la città. Il monumento ricorderà per sempre lei e tutti gli altri animali impegnati nelle operazioni di ricerca e soccorso seguite al terremoto che ha colpito il centro Italia. La cerimonia di inaugurazione della statua per il cane eroe si terrà domani 23 agosto, nel giardino degli Alberi di Amatrice. Nessuno in questa città la dimentica: Camilla è stata davvero importante per il ritrovamento e il recupero di tanti abitanti rimasti sotto le macerie.

Alla cerimonia sarà presente anche Nicola Ronga, il vigile del fuoco suo padrone, che afferma: “È dura per me tornare ad Amatrice senza di lei; tutte queste manifestazioni di affetto e di stima non possono che farmi piacere. Da quando ho perso Camilla non mi sono mai tirato indietro se qualcuno mi chiedeva di raccontare del nostro lavoro. Ho ricevuto tantissimi messaggi e ho percepito la gratitudine della gente”.
Afferma inoltre Riccardo Manca, Vice Presidente Nazionale di Animalisti Italiani Onlus: “Ci preme sottolineare che sono iniziative come questa a formare una nuova coscienza nelle persone e a fare la differenza. Evoluzione vuol dire infatti, anche e soprattutto, presa di coscienza. E rendere omaggio e onore a chi spesso viene dimenticato e oltraggiato rappresenta un grande passo avanti verso la costruzione di una vera società civile”.