Gatto Nero Day: la giornata contro la superstizione

Gatto Nero Day: la giornata contro la superstizione

Gatto Nero Day

Il 17 novembre è il Gatto Nero Day, una festa che è stata pensata per contrastare la superstizione e dare rivincita ai felini neri, che nel corso della storia sono stati vittima di maltrattamenti e uccisioni. I nostri amici gatti neri vengono quindi celebrati in questa giornata, dove l’amore e l’affetto contrasta le false credenze del passato.

Non perderti i nostri articoli.

Gatto Nero Day: le origini della superstizione

Le superstizioni hanno origini antiche, ma ancora oggi restano nella credenza popolare e c’è ancora qualcuno che crede che i gatti neri portino sfortuna.

La superstizione che coinvolge i felini con il manto nero risale al Medioevo, quando i nostri amici gatti venivano considerati creature maligne, legate al demonio.

Un’altra spiegazione sulla nascita di questa superstizione è legata ai lontani tempi in cui i trasporti avvenivano in carrozza. I gatti neri erano difficilmente visibili di notte e poteva capitare che uno di loro attraversasse la strada all’improvviso, spaventando i cavalli e facendo rischiare la vita ai passeggeri, per cui se un gatto nero attraversava la strada era segno di sfortuna.

Un’altra storia che vede i felini neri come portatori di sventura, è legata a quando i gatti viaggiavano in nave e cacciavano i topi, sbarcando nei porti assieme ai bucanieri, che erano ovviamente presagio che i predoni del mare stavano per colpire.

Gatto Nero Day: i luoghi comuni

I pregiudizi sui felini neri hanno continuato nei secoli e i poveri gatti sono diventati vittime di maltrattamenti a causa dell’ignoranza dell’uomo. Oltre a credere che il gatto nero porti sfortuna, ancora oggi vi sono dei falsi miti sui gatti, specialmente sul loro carattere, che li vedono opportunisti e indifferenti.

Ma come ben sappiamo non è affatto così; i gatti sono animali molto speciali e sono degli attenti osservatori. I felini ci insegnano a vivere e noi umani abbiamo solo da imparare da loro.