Cane e nascita bambino: come accoglierà il nuovo arrivato

Cane e nascita bambino: come accoglierà il nuovo arrivato

Cane e nascita bambino

La nascita di un bambino è un evento per tutta la famiglia: genitori, eventuali fratelli, ma anche per i propri amici a quattro zampe. Anche loro saranno travolti dalle emozioni e dalla novità di un nuovo nato che, almeno per i primi tempi, camminerà anche come loro, e con i quali dovranno relazionarsi in continuazione. Scopriamo insieme cosa c’è da sapere su cane e nascita bambino, in modo da farli conoscere e convivere al meglio.

Non perderti i nostri articoli.

La nascita del bambino e l’età del cane

Una prima grande differenza da tenere in considerazione nel prepararsi alla nascita di un bambino è prestare attenzione all’anzianità del nostro cane. Un cucciolo avrà meno problemi ad affezionarsi al neonato e ad abituarsi ad esso. Molte delle difficoltà dei cani (ma anche degli uomini) derivano dalle abitudini che essi maturano negli anni e che poi faticano ad adattare allo stravolgimento provocato dall’arrivo di una novità di questa portata.

Ecco quindi che per un cane adulto o un cane anziano sarà più difficile abituarsi e ‘accettare’ il cambiamento quando nasce un bambino. Gli animali sono creature abitudinarie che faticano ad accogliere novità; queste dovranno essere graduali, per permettere al cane di non rimanere travolto e sconvolto, ma accettare dolcemente la felice novità.

Cane e nascita bambino: come farla accettare al cane

Un po’ come capita per i fratelli più grandi è fondamentale far percepire al cane che la nascita del bambino non è un motivo per lui di cambiamenti negativi: il bambino non è e non sarà mai un rivale.

Una buona idea è quella di iniziare a ‘preparare il terreno’ mettendo in casa gli oggetti che riguarderanno il bambino (giochi, culla, passeggino, ecc..) prima che egli arrivi, in modo che il cane si abitui al nuovo spazio.

Bisogna fare molta attenzione al tempo trascorso insieme al cane: le abitudini non devono essere cambiate, quindi evitare di stravolgere il numero (e la durata delle uscite), delle passeggiate insieme, del tempo dedicato a giocare e rilassarsi con lui.

L’arrivo del bambino

Una serie di novità e di sconvolgimenti sono inevitabili, basti pensare a quelli acustici dovuti ai pianti frequenti anche in orari solitamente di riposo. Anche il contatto diretto tra il cane e il bambino deve avvenire dolcemente, accarezzando e valorizzando quando il cane è in presenza del neonato.

Quando il cucciolo di uomo sarà più grande si potrà pensare anche di farlo giocare insieme al cane, mantenendo però sempre un certo controllo per evitare anche che il bimbo prenda le cose del cane considerandole come proprie. È  bene mantenere separati gli spazi del cane e quelli del bambino e favorire gli incontri e i contatti senza però confondere le cose o comunicare al cane che questi cambiamenti (e restringimenti negli spazi) siano causa, quindi colpa, del nuovo arrivato, che verrebbe percepito subito come un rivale e un nemico.