Coniglio d’angora: adorabile batuffolo peloso

Coniglio d’angora: adorabile batuffolo peloso

Coniglio d’angora

Il coniglio d’angora, famoso per la bellezza e il suo morbido e lungo pelo, è una razza di coniglio europeo privilegiato da molte persone che lo scelgono come animale da compagnia. Definito l’animale più soffice del mondo ma anche uno dei più sfruttati perché fornisce fibra tessile dal suo vello, il coniglio d’angora ha delle particolari caratteristiche che bisogna conoscere per potersene prendere cura al meglio. Scopriamole insieme!

Non perderti i nostri articoli.

Coniglio d’angora: caratteristiche

Alla famiglia del coniglio d’angora appartengono 4 varietà diverse che si distinguono in angora francese, angora nano, angora satin, angora gigante, tutte simili apparentemente ma che in realtà differiscono per lunghezza, morbidezza del pelo e dimensioni. Le origini di questa razza vengono fatte risalire ai primi anni del 18° secolo, quando alcuni marinai inglesi fecero tappa in un porto turco chiamato Angora. Qui si accorsero della morbidezza degli scialli indossati dalle donne locali e decisero di portarli in Francia. Nonostante anche gli inglesi e i turchi si contendano questa scoperta, furono però i francesi a migliorare la razza del coniglio d’angora e a renderla così come la conosciamo.

La principale caratteristica di questo animale è quindi il mantello molto lungo e l’aspetto lanoso. Mentre nei conigli comuni il pelo cresce per un mese, nel coniglio d’angora il pelo cresce per tre mesi e quindi raggiunge una lunghezza che può anche essere di otto cm. Proprio per la sua bellezza e la sua morbidezza questo animale oggi vive come animale domestico nelle case al posto di cani e gatti o insieme a loro.

Coniglio d’angora: come prendersene cura

Se si desidera tenere in casa un coniglio d’angora come animale da compagnia è bene sapere che occorre prendersene cura con grande meticolosità, ancor di più di quella che occorre per badare ad un coniglio di altra razza. Il motivo è dato proprio dal pelo, che bisogna curare per tenerlo soffice e pulito. Innanzi tutto, occorre spazzolarlo ogni giorno, prima in un verso e poi in un altro, per evitare che si formino dei nodi. In ogni caso, se si dovessero formare e la spazzola non è sufficiente per districarli, è possibile tagliarli con le forbici per toglierli definitivamente. Anche l’alimentazione del coniglio d’angora va curata con molta attenzione e oltre al cibo secco, è necessario somministrargli frutta e verdura fresca. Non somministrare cibi come pasta, pane, cioccolato o dolci per evitare prodotti che possano soffrire di disturbi intestinali.