Fischietto per cani: cos’è e a cosa serve

Fischietto per cani: cos'è e a cosa serve

Fischietto per cani

Il fischietto per cani è uno strumento utile strumento per il ciclista che ha la passione di correre e vuole evitare che il cane gli corra dietro. Il cane è e rimane sempre il miglior amico dell’uomo, ma nel caso dei ciclisti è pur vero che un incontro ravvicinato può metterli fuori strada e basta un morso o una semplice aggressione per provocare cadute rovinose. Infatti, può capitare che i cani taglino la strada e intralcino il percorso dei ciclisti, combinando anche guai seri. In questi casi il fischietto per cani si presenta come uno strumento indispensabile ad evitare conseguenze gravi e dannose e mettere in sicurezza i ciclisti che amano andare fuori a correre con la bici. In particolare per i cicloturisti un fischietto scacciacani è fondamentale da portare dietro per le emergenze.

Non perderti i nostri articoli.

Il fischietto per cani: utilizzo e funzioni

La prima cosa da sapere sul fischietto per cani è quella di essere tarato sul sistema uditivo dei nostri amici animali. Per il cane il suono emesso risulterà molto acuto e fastidioso, mentre per l’uomo risulterà flebile e appena percettibile. Proprio per queste specifiche caratteristiche il fischietto è un ottimo strumento non solo per addestratori e allevatori ma anche per tutti coloro che possono usufruirne in caso di emergenza, come ad esempio mettere in fuga animali fastidiosi. In commercio sono presenti fischietti ultrasuoni o tradizionali che differiscono per la distanza da cui possono essere sentiti dall’animale.    

Distinguere il momento ideale in cui utilizzare il fischietto

Questi strumenti non sono pericolosi se vengono utilizzati a norma di legge. Il loro funzionamento è semplice: una volta emesso il suono la pressione creata dal dispositivo stordisce l’animale in maniera parziale e rallenta la sua attività, qualunque essa sia. Lo strumento è pratico da portare dietro, basta infatti riporlo in tasca ed è anche leggero, quindi non crea disturbo. Inoltre, costa anche poco, all’incirca tra i 10 ed i 20 euro a seconda dei modelli e quindi è accessibile a tutte le tasche.

Imparare a distinguere il momento in cui utilizzarlo è forse la cosa più importante per i ciclisti. E’ infatti preferibile fare attenzione e cercare di capire se l’animale è impaurito e non è invece aggressivo, ma bisogna anche fare attenzione ad individuare il momento in cui emettere il suono. A volte nei momenti di panico è facile confondersi e quindi è necessario capire come muoversi. Evitare comunque di scappare con movimenti repentini volgendo le spalle e in casi estremi porre un oggetto come scudo fra se e l’animale.