Cuccioli abbandonati, come prendersi cura di loro?

Cuccioli abbandonati, come prendersi cura di loro?

Cuccioli abbandonati, cosa fare?

È ormai tristemente risaputo che il picco di cuccioli abbandonati avviene durante il periodo primaverile-estivo, le motivazioni sono principalmente due:

  • La mancanza di sterilizzazione delle femmine che in questo periodo restano incinte;
  • Le partenze per le vacanze.

Una situazione davvero triste contro cui sempre più persone si battono, ma che ancora purtroppo coinvolge molti animali.

Non perderti i nostri articoli.

Cosa dice la legge in merito ai cuccioli abbandonati?

Facciamo un po’ di chiarezza la riguardo. Quando si trova un cane abbandonato, sia che si tratti di un cucciolo che di un adulto, la prima cosa da fare è metterlo al sicuro per poi contattare i vigili locali e i servizi veterinari dell’Asur.

Perché è necessario contattare anche i servizi veterinari dell’Asur? È molto semplice: l’Asur deve inviare un tecnico addetto al trasporto del trovatello: se dispone di microchip del cane il problema non sussiste, perché si contatterà direttamente il proprietario; se invece ne è sprovvisto, il cane verrà microchippato per poi essere reso disponibile per l’adozione.

Per legge, non è assolutamente consentito trovare un cane abbandonato per poi tenerlo con sé, ma bisogna procedere nel modo appena illustrato.

Come prendersi cura di un cucciolo abbandonato?

Una volta messo in sicurezza è possibile dare cibo e acqua al cane. Il consiglio è quello di fornirgli cibi adeguati, niente avanzi o potreste peggiorare una situazione già delicata. Il cane potrebbe soffrire di disidratazione nel cane e potrebbero provocargli diarrea del cane e vomito nel cane, che potrebbero rendere il quadro clinico del cane anche critico.

Gli alimenti da somministrare variano in base all’età del cucciolo:

  • Cucciolo non ancora svezzato: se il cucciolo ha meno di un mese di vita, significa che ancora non è stato svezzato, per cui bisogna somministragli del latte in polvere. È altamente sconsigliato il latte vaccino perché potrebbe causare vomito e dissenteria;
  • Cucciolo già svezzato: se Fido ha visibilmente più di un mese di vita è stato già svezzato, per cui si può procedere con un’alimentazione del cane secca o umida. Si potrà scegliere una delle due tipologie di alimenti a seconda dei consigli del veterinario.

Come gestire un cucciolo abbandonato?

Gestire un piccolo peloso abbandonato può sembrare un’impresa ardua a chi non ha mai avuto un cane, se invece siete già esperti tutto sarà più semplice. La prima cosa da fare è portare il cane in un luogo tranquillo e sicuro, lontano da rumori e zone di forte passaggio.

È molto facile che un cucciolo vada in ipotermia perché il suo sistema immunitario è ancora piuttosto debole, quindi è importantissimo assicurarsi che stia al caldo. Se piange incessantemente molto probabilmente vuol dire che ha fame, freddo oppure ha qualche problema di salute del cane. Molto importante è anche stimolare i cani ad urinare. Quindi con un panno tiepido massaggiate l’addome e l’area genitale, così il piccoletto farà i suoi bisogni.

Assicuratevi che mangi, beva e stia al caldo. Se continua a lamentarsi o si intravedono segni di malessere, meglio contattare immediatamente il veterinario.

Per avere tutte le informazioni sulla salute del tuo cane, scarica l’ebook gratuito di Dogalize I consigli dei Veterinari