Temi di Cinotecnia, la recensione del libro

Temi di Cinotecnia, la recensione del libro

Temi di Cinotecnia

Il libro Temi di Cinotecnia di Mario Canton fa parte di un’ampia collana dedicata a degli studi tecnici e analitici su vari argomenti e materie che riguardano il cane. In questo testo, più che una trattazione psicologica dell’animale o di come relazionarsi con lui,  una disamina strutturale sulle razze canine in conformazione al loro impiego.

Il sottotitolo che accompagna il libro Temi di Cinotecnia è molto articolato ma chiaro di quello che si trova all’interno: “Aspetti morfologici della valutazione dei cani e delle razze canine. Conformazione delle parti, aspetto esteriore ed estetica.”

La tesi proposta da Mario Canton è che l’essere umano nel corso della sua storia ha selezionato tante razze canine, sfruttandone la grande plasticità genetica, sostanzialmente per due motivi: per utilizzarli a qualche scopo specifico o per avere un animale da affezione.

In Temi di Cinotecnia ci si preoccupa più della “destinazione d’uso” (ci si passi il termine anche se poco elegante) del cane e dei vari aspetti che permettono una valutazione fenotipica delle razze canine. Fondamentalmente si tratta di prendere in considerazione tutte le caratteristiche che sono manifestate dal cane: da quelle morfologiche, a quelle biochimiche, passando per quelle fisiologiche e di quelle comprensive del comportamento.

Scopri di più

Nel libro sono ripresi, e in certi aspetti anche ripetuti, temi trattati in altri volumi, nei quali anche la spiegazione, più attinente al tema di quei testi, viene approfondita meglio. Temi di Cinotecnia è comunque un sussidio utile a capire il cane e a che punto sono le ricerche in questo settore. La Cinotecnia è un’attività volta alla ricerca sul cane, collegata anche ad altre discipline, come la demografia canina e l’etnografia.

In questo libro, forse molti non troveranno una trattazione sentimentalistica ed esperienziale del rapporto degli uomini con gli animali, quanto piuttosto una descrizione il più possibile analitica e descrittiva di quello che è il mondo animale, nella valutazione delle parti del cane in relazione alla sua estetica. Un testo anche per la sua rarità importante, che fa da tramite tra i testi specialistici e il lettore comune che vorrebbe capire, conoscere e affacciarsi a questa disciplina molto spesso ignorata o ignota, a discapito di altre più pragmatiche ma meno comprensive.

I cataloghi dei libri sugli animali sono invasi da trattati e saggi legati alla riproduzione, all’allevamento, allo sviluppo, l’educazione, l’addestramento la convivenza, l’igiene, la salute e la crescita del cane; mancava un testo utile, non accademico, che spiegasse e mostrasse gli aspetti utili della morfologia canina e di come l’essere umano, su di essa, abbia fondato le sue valutazioni dei cani.

Un testo intelligente e affascinante, da scoprire in ogni sua pagina per scoprire un mondo troppo spesso sconosciuto ma che racconta molto, tanto, di quelle creature con cui condividiamo quotidianamente un pezzo importante delle nostre vite.

Scopri di più