Infografica: insegnare al pappagallo a parlare

Insegnare al pappagallo a parlare: 8 semplici trucchi

Insegnare al pappagallo a parlare

La verità è che non tutti i pappagalli riescono a parlare alla stessa maniera. Ci sono esemplari in grado di imitare meglio il linguaggio umano rispetto ad altri. Alcune specie come l’Ara, il Cacatua, il Cenerino o gli Amazzonici, sono tra le più parlantine. Partendo da questa assodata constatazione, ti sveleremo ora otto semplici trucchi per insegnare al pappagallo a parlare e a sfruttare questa sua innata dote.

Non perderti i nostri articoli.

Insegnare al pappagallo a parlare: come fare?

Ricordate gli anni settanta? Ricordate Enzo Tortora? Bene, allora saprete di cosa stiamo parlando. Alla fine della fortunata trasmissione di Enzo Tortora, il concorrente, per vincere il montepremi in palio, doveva riuscire a far dire la parola ‘Portobello’ ad un pappagallo presente in studio. Perché non ci provate anche voi? Avete un pennuto in casa? Non diciamo che sia semplice, ma possiamo sicuramente dirvi che se vi armerete di tanta pazienza e seguirete i nostri consigli, non sarà un’impresa impossibile!

Prima di iniziare ad elencare tutti i trucchi che potrebbero esservi utili per arrivare all’obiettivo, è bene specificare che ci vorranno settimane intere, forse addirittura mesi, non aspettatevi di riuscire nell’impresa in un solo pomeriggio. Come già anticipato, è anche bene ribadire che alcune specie di pappagalli sono più dotate di altre. E spiccano ancora di più per questa loro dote “oratoria” le razze medio-grandi come il Giaco, gli Amazzoni e il Cacatua.

Insegnare al pappagallo a parlare: 8 semplici trucchi

Ma che fare? Ecco qui i nostri 8 consigli:

  1. Il pappagallo deve iniziare da giovane, per ottenere buoni risultati;
  2. Inizialmente è meglio che il pappagallo parli con una persona sola;
  3. L’allenamento deve essere costante, soprattutto all’inizio, quindi dedicate almeno cinque minuti, due, tre volte al giorno;
  4. La voliera del pappagallo deve essere posizionata in un luogo frequentato della casa, dove l’animale possa interagire ed apprendere;
  5. Non abbiate fretta di iniziare l’allenamento: il pappagallo deve essere a proprio agio nell’ambiente in cui vive, concedetegli del tempo;
  6. Per iniziare l’allenamento insieme al vostro pennuto, dovrete scegliere parole di poche sillabe; le parole dovranno essere ripetute molte volte prima di ampliare il vocabolario da insegnare al pappagallo;
  7. Quando il pappagallo riuscirà a ripetere correttamente per la prima volta la parola prescelta, premiatelo ed incoraggiatelo;
  8. Il volatile durante l’allenamento deve essere posizionato dinnanzi a voi a distanza ravvicinata: in questo modo sarà concentrato su di voi e su quello che state facendo e riuscirete anche ad instaurare un buon rapporto.