Orsa liberata: la nuova vita di Sky fuori dalla sbarre

Orsa liberata: la nuova vita di Sky fuori dalla sbarre

Orsa liberata, la storia di Sky

Sky è un’ orsa liberata da una delle fattorie della bile che si trovano in Vietnam. E’ stata chiusa in una gabbia per 14 anni, dopo essere stata catturata da cucciola e venduta al proprietario di questa fattoria. Il suo scopo, da quel giorno, era quello di produrre bile, affinché potessero estrarla utilizzando lunghe cannule infilate nel suo addome. Sky ha sofferto per molti anni ma ora finalmente è libera, grazie all’associazione Animals Asia, fondata da Jill Robinson vent’anni fa con lo scopo di combattere lo sfruttamento degli animali e la tradizione orientale di utilizzare presunti medicinali che contengono bile naturale di orsi.

Non perderti i nostri articoli.

Orsa liberata: fattorie della bile illegali

Sky è stata liberata e trasportata per 260 km, fino alla sua nuova casa, il Vietnam Bear Rescue Center, in provincia di Vinh Phuc. Qui l’ orsa liberata potrà finalmente iniziare la sua nuova vita, lontano dalle gabbie e dalla sofferenza. Fondato dall’associazione animalista, il santuario è una riserva naturale dove gli orsi del sole e della luna vengono custoditi e curati, una grande area protetta dove questi animali possono conoscere la vita e la pace.

L’associazione di Jill Robinson ha salvato, dalla sua nascita nel 1996, oltre 600 orsi in Cina e in Vietnam. E’ anche grazie al suo operato che dal 2005 gli allevamenti di bile sono stati dichiarati illegali in Vietnam, ma l’impossibilità di accogliere gli animali che si trovavano nelle fattorie, all’epoca oltre 4000 orsi, ha permesso ai proprietari di continuare le loro attività. Però, lo scorso anno, il governo ha firmato un accordo con Animals Asia e tutte queste fattorie dovranno chiudere entro il 2022 e gli orsi ancora prigionieri, circa 800 esemplari, dovranno essere trasferiti nei santuari.

Orsa liberata: la nuova vita di Sky

Sky si sta preparando per conoscere finalmente il mondo che la circonda. Il modo in cui era costretta a vivere le ha causato diversi problemi di salute e diverse cicatrici. Ma ora che si trova al santuario avrà tutto il tempo per riprendersi e dimenticare il suo brutto passato. Nessun animale merita di soffrire come ha sofferto Sky e avrà bisogno di tempo per lasciarsi tutto alle spalle.

Ad agosto erano stati salvati altri cinque orsi della luna; quando questi poveri animali arrivano al santuario sono spaesati e molto impauriti. Le operazioni di salvataggio richiedono a volte diversi giorni, per portare gli animali in salvo nel minor tempo possibile ed evitare che soffrano durante il tragitto. All’inizio sono timorosi e restano in disparte, ma quando iniziano a correre sull’erba, mangiare le mele o giocare nell’acqua, si percepisce la loro lenta rinascita.