Gatti che gonfiano pelo e coda: qual è il motivo?

Gatti che gonfiano pelo, coda e “fanno la gobba”: qual è il motivo?

Gatti che gonfiano pelo

Molto spesso si dice che i figli siano compresi solo dalla propria mamma. Si può dire lo stesso per i gatti ed i padroncini? La psicologia felina non è di semplice decifrazione, neanche per il più docile e mansueto micetto. Ci sono, infatti, atteggiamenti e gesti dei nostri amici felini che sembrano davvero difficile da comprendere. Uno tra questi atteggiamenti misteriosi è senza dubbio la “gobba”. Cosa succede quando il tuo gattino inarca la schiena, gonfiando il pelo del gatto, facendo la tipica gobba e tirando indietro le orecchie? Cosa vuole comunicare? Vediamo insieme i motivi che si nascondono dietro ai gatti che gonfiano pelo

Non perderti i nostri articoli.

Gatti che gonfiano pelo: quando il micio ha paura

Tra i comportamenti dei gatti, questo è il più particolare e a volte inaspettato, ed è legato alla paura. I felini assumono questa posizione quando si sentono minacciati ed intimoriti da qualcosa o qualcuno. Certo può accadere che il vostro gatto gonfi il pelo anche mentre si trova in casa con voi, in una situazione di relax; non allarmatevi, forse il micio ha notato qualcosa, qualche movimento o ha percepito un potenziale pericolo (anche solo un cane di passaggio) all’esterno dell’abitazione, insomma qualcosa che lo ha momentaneamente spaventato.

Imparare a comprendere queste reazioni del proprio felino vi aiuterà ad approcciarvi a lui nel modo migliore. Se il gatto gonfia pelo e coda anche in casa, oppure se si trova in presenza di altri gattini, o altri animali, mantenete la calma e tranquillizzatelo, lo fa per preparare la difesa da un possibile attacco, ma probabilmente se lasciato in pace se ne andrà a sbollire da un’altra parte!

Conoscere questo aspetto della psicologia del gattino vi servirà inoltre a sapere come fare a tranquillizzarlo; parlargli con parole dolci e toni pacati, farà certamente calmare il felino e servirà a fargli comprendere che non c’è nulla da temere.

Una recente ricerca ha dimostrato che i gatti riescono a comprendere le parole dette con tono positivo. Quindi se voi dite al vostro gatto quanto bene gli volete utilizzando una voce dolce e complimentosa, state certi che lui lo capirà. Questa tecnica rassicurante vale anche per tranquillizzarlo: parlategli piano e dolcemente, siamo certi del fatto che dopo pochi minuti la paura passerà e il vostro micio tornerà a sonnecchiare placidamente.