Perché cadono i baffi del gatto? C’è da preoccuparsi?

Perché cadono i baffi del gatto? C'è da preoccuparsi?

I baffi del gatto

I baffi del gatto, ovvero le vibrisse, sono lunghi peli più rigidi che sono presenti sulle guance dei nostri amici felini. Non sono solo una caratteristica estetica dei gatti, ma sono strumenti necessari al gatto, delle vere e proprie antenne che gli permettono di esplorare l’ambiente che li circonda. Alla base delle vibrisse del gatto, infatti, vi sono diversi follicoli e terminazioni nervose che permetto a Micio di percepire i cambiamenti nell’ambiente che lo circonda.

Non perderti i nostri articoli.

I baffi del gatto: a cosa servono?

I baffi del gatto gli permettono di capire la direzione del vento e l’umidità dell’aria, mentre quando il felino è in movimento gli servono come strumento di misura di spazi e distanze. Grazie alle vibrisse il gatto è in grado di capire se riesce a entrare in nascondigli e fessure. Le vibrisse, infatti, sono più lunghe della larghezza del corpo del gatto, per cui se il felino infila la testa in un buco e i suoi baffi non trovano ostacoli, è certo di riuscire a passare. Inoltre, i baffi del gatto servono anche a comunicare lo stato d’animo del felino; se sono tese e arricciate significa che il felino è nervoso, mentre se sono rivolte verso l’esterno significa che il micio è tranquillo.

Perché cadono i baffi del gatto? C'è da preoccuparsi?

Ma i baffi del gatto cadono? E’ normale?

Dato che sono di fatto i baffi del gatto sono dei peli più rigidi e lunghi, è normale che possano cadere, proprio come accade con il pelo del gatto. A chi vive con un felino sarà sicuramente capitato di trovare baffi in giro per casa, nella cuccia per gatti o sul divano. Non c’è nulla di cui preoccuparsi, l’importante è controllare che le vibrisse del Micio poi ricrescano. In caso non fosse così, è meglio portare il gatto dal veterinario, perché aver contratto una delle malattie del gatto.