Olio di CBD per cani: i prodotti per animali a base di cannabis

olio di cbd per cani

Olio di CBD per cani – Un tema controverso e che suscita sempre molte discussioni è l’impiego della Cannabis, non soltanto sugli esseri umani ma anche sugli animali. La Cannabis ormai legalizzata a scopo terapeutico in America, dove viene utilizzata per curare e ridurre i sintomi di diversi disturbi, ha gli stessi effetti positivi anche sugli animali, principalmente su cani e gatti.

Ma cos’è la cannabis terapeutica quando parliamo di cani, gatti o altri animali? Facciamo un po’ di chiarezza su questo argomento.

Non perderti i nostri articoli.

Cannabis per curare gli animali

Una start up chiamata Weedentity ha proposto l’uso dell’olio di CBD per curare sia gatti che cani in depressione, ansiosi o dall’indole troppo aggressiva. Questa nuova azienda capitanata da 4 ragazzi napoletani sta seguendo un modello base americano per proporre questa innovativa idea.

Olio di CBD per cani: di cosa si tratta nello specifico?

L’idea si basa sull’uso dell’olio di CBD per cani, quello che solitamente viene usato per la pet therapy, semplicemente a scopo aromaterapico e che contiene soltanto il 5% del principio attivo della Cannabis.  Tale olio ha anche proprietà antinfiammatorie e antiossidanti e viene, generalmente utilizzato nei casi di ansia, paura o insonnia.

Olio di CBD per cani e gatti: quale utilizzo potrebbe avere?

Quest’olio viene utilizzato nei cani dall’indole troppo aggressiva oppure nei gatti sterilizzati in maniera tale da migliorare il decorso post intervento.

Questi oli vengono prodotti in Svizzera, arrivano da coltivazioni biologiche e vengono realizzati con metodi naturali e senza sostanze chimiche o pesticidi.

Il prodotto viene controllato sia dai laboratori svizzeri che dai laboratori italiani con l’autorizzazione del Ministero della Salute.

Chiara Basile, uno dei fondatori di Weedentity, ha dichiarato:

Abbiamo deciso di aprire quest’attività attraverso il varco legislativo che si è aperto nel 2016. La legge 242 del 2016, infatti, ha dato il via libera all’uso di prodotti realizzati con cannabis sativa entro precisi limiti di THC, uno dei principi attivi della cannabis. E’ stato un primo passaggio importante perché apre all’uso di quella che forse è la pianta più criminalizzata del mondo, ma dalle enormi potenzialità”.

Gli oli CBD per cani e gatti non hanno nessun effetto psicoattivo, ma solo effetti miorilassanti e non creano dipendenza.

Il CBD può essere impiegato sotto forma di olio, oppure sotto forma di pastiglie. La quantità da somministrare all’animale varia a seconda del problema e del soggetto.

Quali patologie si possono curare?

E’ stato appurato che il CBD ha successo nella cura di svariate patologie come:

 

Image credits: pixabay