10 bugie sui gatti che la gente dice: quali sono?

10 bugie sui gatti che la gente dice: quali sono?

10 bugie sui gatti che la gente dice

Molte persone che non hanno gatti diffondono bugie e bufale che spesso mettono in allarme color che invece hanno gatti in casa. Certo è difficile credere che al giorno d’oggi possano persistere ancora delle bugie inverosimili, che la gente continua a ripetere, ma per evitare che qualcuno possa ancora cascarci ecco 10 bugie sui gatti molto diffuse che si sentono dire ancora e che non piacciono affatto ai proprietari di gatti che adorano i loro piccoli amici.

Non perderti i nostri articoli.

Quali sono le 10 bugie sui gatti più comuni?

  1. I gatti non amano i loro proprietari: non è assolutamente vero, i gatti amano i loro umani e lo dimostrano in moltissimi modi diversi;
  2. I gatti sono falsi e non sono affatto affidabili: non è vero, sono più affidabili di alcune persone;
  3. Hai permesso al tuo gatto di salire sul…: il felino di casa deve essere libero di muoversi in ogni ambiente;
  4. Non mi piacciono i gatti, sono sempre arrabbiati: i gatti sono arrabbiati se gli si da fastidio;
  5. Il gatto perde un sacco di peli: vi sono felini che perdono più pelo di altri, ma non ne perdono più di un altro animale;
  6. I gatti sono troppo freddi: chi dice una  bugia del genere evidentemente non ha mai avuto un gatto;
  7. I gatti si affezionano alla casa, non alle persone: i gatti si affezionano all’ambiente in cui vivono, ma anche agli umani con cui trascorrono la loro vita;
  8. Tu coccoli il tuo gatto, ma a lui non importa nulla di te: i felini si affezionano e farsi coccolare dimostra che sono legati a noi e che si fidano di noi;
  9. I gatti non gradiscono le coccole ma non amano nemmeno te: non è vero, vi sono gatti più coccoloni di altri, ma tutti, anche se in modo diverso, dimostrano il loro affetto;
  10. Prendersi la briga di dare un nome al gatto non vale la pena, tanto non risponde:  i felini riconoscono il loro nome e sono in grado di capire perfettamente quello che diciamo loro.