Gatto mascotte: quando i gatti diventano i pupilli di famiglia

gatto mascotte

Gatto mascotte – I gatti sono animali molto indipendenti, si sa. Ma anche molto opportunisti: se trovano uno o più esseri umani che li prendono a ben volere e che soprattutto offrono loro cibo sicuro e molte coccole, loro tendono a fermarsi in pianta stabile e a diventare la mascotte del gruppo o del luogo. Il che dal punto di vista dei felini è un prodotto del tutto secondario e irrilevante. Anche piacevole, magari, ma non essenziale. Perché l’essenziale è che la pappa sia assicurata (alimentazione gatto adulto) e che d’inverno ci siano un tetto sulla testa e un termosifone presso cui accoccolarsi e sonnecchiare gloriosamente. Come dargli torto.

Il gatto mascotte: Merlino, il bel micio rosso del Cnr

Tra questi gatti mascotte uno che di recente ha acquistato una certa fama in rete è Merlino, uno dei gatti ospitati presso il campus del Cnr di Lecce. Mentre era in visita in Puglia, il presidente del consiglio Giuseppe Conte è rimasto giustamente catturato da questo bel gattone rosso che lo ha accompagnato nel corso del suo giro per i laboratori dell’istituto di ricerca nazionale. Il premier era al Cnr anche per incontrare una delegazione di olivicoltori pugliesi vittime della xylella.

Afferrando al volo l’opportunità propagandistica, il presidente Conte ha preso il micio tra le braccia e con lui ha proseguito il giro del campus leccese del Cnr, che si chiama Ecotekne.

Le foto del presidente del consiglio col gatto Merlino presto hanno fatto il giro della rete, dopo essere state condivise sulla pagina ufficiale del premier e sull’account ufficiale di Palazzo Chigi.

Va detto che Merlino non è l’unica bestiola ospite del campus Ecotekne. La struttura ospita infatti diversi altri cani e gatti della cui cura si occupano tecnici, studenti e ricercatori per tutto l’anno. Nel campus leccese sono riuniti diversi istituti: l’università, il Cnr e anche altre varie organizzazioni dedite alla ricerca scientifica. La comunità che si occupa degli animali che vivono nel campus è piccola, ma agguerrita.

Il gatto mascotte: il gatto Merlino e la sua storia

Merlino ha fatto la sua comparsa al Cnr seguendo uno dei tecnologi quasi fosse la sua ombra. Il campus leccese è immerso nella campagna e come detto accoglie tra le proprie mura diversi piccoli amici pelosi. Nel giro di poco tempo il gatto Merlino è riuscito a conquistare l’affetto di tutti e ad ottenere un sacco di coccole, di cui pare non stancarsi mai.

Il che significa che per Merlino diventare la mascotte del campus non è stato affatto complicato. Come il mago eponimo, anche questo gattone fulvo compie magie, la principale delle quali è appunto essere riuscito a conquistarsi l’affetto di tutti quanti al centro di ricerca leccese. Compreso il presidente del consiglio Conte, che infrangendo il protocollo istituzionale lo ha preso in braccio sorridente.

Il gatto mascotte: un colpo di fulmine a settembre

La storia di Merlino al campus Ecotekne comincia nel settembre del 2016. Fu allora che una mattina una donna dell’impresa di pulizie che lavora al campus si vide venire incontro questo micio affamato e molto dolce.

La scintilla tra i due fu pressoché immediata e come prima cosa la signora badò a offrire  croccantini e acqua a quel povero gatto in cerca di cibo e di coccole. Da allora il rituale mattutino dei croccantini si ripete tutti i giorni puntale, alle 6 spaccate. Merlino è sempre li che aspetta la sua razione quotidiana di cibo e anche di carezze, di cui sembra altrettanto affamato. La signora delle pulizie ai tempi del loro primo incontro ne postò la foto sui social, pensando che magari qualcuno lo aveva perso e lo stava cercando, ma invano. Sicché la decisione di tenerlo al Cnr fu naturale. Come pure fu naturale, istintiva, quella di battezzarlo Merlino, come il mago del ciclo arturiano. Già, perché un gatto così un po’ mago lo è.

Peraltro va detto che i ragazzi del Cnr non hanno abbandonato la speranza di trovargli una casa. Merlino infatti è libero di andare e venire dal campus e durante le sue scorribande all’esterno qualche volta accade che si ripresenti con qualche acciacco, magari rimediato in qualche scontro con altri maschi. Trovargli una casa potrebbe proteggerlo da questi incidenti di percorso.

Il gatto mascotte: Dirt e i treni del Nevada

Un’altra bella storia di gatto mascotte ci viene dall’America e precisamente dal Nevada. Dirt ha undici anni ed è la mascotte del Nevada Northern Railway Museum. Lo è da quando fu abbandonato dalla sua mamma.

Adesso la sua casa è questo bel museo ferroviario del Nevada, dove i turisti si divertono un mondo a coccolarlo. Lui da parte sua si fa davvero voler bene.

Quando fu abbandonato da mamma gatta, Dirt si rifugiò nel museo e per un po’ di tempo fu parecchio restio a farsi vedere dal personale. Evidentemente nella sua breve vita con gli esseri umani doveva aver avuto esperienze assai poco piacevoli.

Ma gli impiegati del Nevada Northern Railway Museum non hanno mollato. Ogni giorno gli lasciavano scatolette di tonno in giro per convincerlo a uscire allo scoperto e dopo un po’, con tanta pazienza, ci sono riusciti.

Adesso Dirt è la mascotte del museo ferroviario. Il nome se lo è guadagnato per via della sua abitudine di rotolarsi nella polvere di carbone contenuta nei tender delle locomotive a vapore conservate nella struttura.

Lui di pelo sarebbe color bianco e arancione, ma questa sua abitudine lo ha reso praticamente un gatto grigio, il che gli ha guadagnato il nome che porta adesso, “Dirt”, ovvero sporco.

La cosa bella di Dirt – spiegano i dipendenti del museo – è che questo bel micione si aggira per i locali del museo come se ne fosse il direttore. Con un senso di autorità e sicurezza che solo i gatti possono sfoderare…

Il Nevada Northern Railway Museum è collocato nella città di Ely, in Nevada. Ospita una bella collezione di locomotive storiche e anche un serie di antiche attrezzature per la manutenzione dei vagoni e dei binari. Fu aperto all’inizio del secolo scorso ed è rimasto esattamente com’era cento anni fa.

Conitnua a leggere il blog di Dogalize per rimanere aggiornato sule storie di altre storie simili come del gatto Lotus, il bellissimo felino grande come un bambino