Gatto estate vomita: perchè capita questa situazione?

gatto estate vomita

Gatto estate vomita – Vi siete accorti che in estate il vostro gatto vomita e vi chiedete perché. Le cause più comuni del vomito nei felini domestici sono le seguenti.

 

Gatto estate vomita: le palle di pelo

La causa più frequente e anche la più banale del vomito nei mici – più d’estate che d’inverno, va detto – sono le palle di borra rigurgitate. Sono ammassi abbastanza schifosi di sostanze non digerite. Per lo più si tratta di quelle parti delle piccole prede che un gatto può uccidere che non si possono assimilare, per esempio il pelo (gatto perde pelo estate). Abbiamo detto che questo accade più d’estate che d’inverno perché d’estate è molto più facile che il gatto esca di notte e che si dedichi a quel che la natura lo ha “progettato” a fare, ovvero il cacciatore (di topi, soprattutto, ma vanno bene anche tutte le altre piccole prede).

Molto più spesso però quel che il gatto rigurgita è il suo stesso pelo. I gatti, infatti, lo sappiamo tutti, amano molto tenersi puliti e passano un sacco di tempo ogni giorno a leccarsi il pelo: per lavarlo e per liberarlo da eventuali parassiti. Ovviamente nel fare questo è inevitabile che il gatto ogni tanto inghiotta il suo stesso pelo, anche perché non può sputare e quindi è costretto a deglutirlo.

 

Gatto estate vomita: perché mangia troppo velocemente

Non di rado i gatti vomitano perché mangiano troppo alla svelta. Si strafogano in un batter d’occhio come se qualcuno gli avesse detto che non mangeranno mai più. La conseguenza è appunto il vomito. Un modo per impedire al gatto di mangiare troppo in fretta è mettergli un sottile strato di cibo in fondo alla ciotola: questo affinché il micio sia costretto a leccarlo un po’ alla volta invece di divorarlo in un baleno. Un altro trucchetto può essere quello di usare una ciotola con un rigonfiamento al centro, in modo che il nostro amato felino sia costretto a rallentare.

 

Gatto estate vomita: avete cambiato il cibo?

Se per caso avete cambiato marca di mangime, questo talvolta può causare al gatto dei problemi, soprattutto se il nuovo prodotto contiene degli irritanti di qualche genere (magari sostanze che agli altri gatti non fanno nulla, ma alle quali il vostro micio è allergico).

Un’altra causa di vomito legata al cibo può risiedere nel fatto che siete passati dall’alimentarlo coi croccantini al dargli da mangiare bocconcini umidi: talvolta il micio ci mette un po’ di giorni ad abituarsi e quindi vomita.

In questi casi, se il vomito proprio non smette, l’unica è tornare al vecchio mangime e incrociare le dita. Di solito funziona.

 

Gatto estate vomita: mangia dell’erba?

Un’altra causa di vomito più frequente d’estate che d’inverno, per motivi abbastanza ovvi, è quando il gatto mangia dell’erba. Alcuni sostengono che lo faccia proprio allo scopo preciso di vomitare. Per scopo curativo, quindi: sentendosi poco bene, il gatto mangerebbe dell’erba per provocarsi il vomito e così si rimetterebbe in sesto lo stomaco. Non si sa quanto ci sia di vero in questa spiegazione, che tra l’altro è stata data anche per i cani, ma non sembra irragionevole.

Se nel vostro appartamento ci sono delle piante che sapete essere tossiche per il gatto, potrebbe essere una buona idea piantare dell’erba gatta, in modo che il micio vi si strusci contro (l’erba gatta emette una sostanza che imita i feromoni del gatto) e che quindi lasci in pace le altre essenze.

 

Gatto estate vomita: i parassiti

Il vomito nei gatti può essere provocato anche da pesanti infestazioni di vermi (vermi gatto). Se osservate dei vermi nel vomito o nelle feci del vostro gatto, è proprio il caso di fare un salto dal vostro veterinario, che provvederà subito a sverminare il micio. Può essere che dobbiate pagare un po’ di più per il prodotto che vi prescriverà il veterinario, ma a gioco lungo risparmierete, questo perché i prodotti da banco che potete avere senza ricetta in genere non sono altrettanto efficaci.

 

Gatto estate vomita: ha lo stomaco ostruito?

Gatti e cani hanno la pessima abitudine di ingurgitare praticamente di tutto: carta, pezzi di plastica, elastici, qualunque cosa piccola abbastanza da poter essere inghiottita, non importa se digeribile o no (gatto vomita schiuma bianca).

Se vi viene il sospetto che il cane abbia ingoiato un corpo estraneo, non perdete tempo, andate subito dal veterinario. Si tratta infatti di una situazione potenzialmente molto pericolosa, talvolta letale.

 

Gatto estate vomita: quando preoccuparsi

È probabile che nella maggior parte dei casi il vomito del vostro gatto non sia niente di particolarmente serio: un disturbo passeggero destinato il più delle volte a non ripetersi. Qualche altra volta, però, è il caso di preoccuparsi, per esempio se il gatto vomita sangue. Oppure quando vomita oggetti scuri che assomigliano a chicchi di caffè.

Se poi vomita tutti i giorni, rifiuta di mangiare o di bere, si comporta in modo strano o non si pulisce come al solito, allora chiamate subito il veterinario.

 

Gatto estate vomita: quali sono i pericoli dell’estate per il vostro gatto

Fin qui s’è parlato del vomito nel gatto, ma forse adesso è il caso di parlare dei pericoli che più in generale l’estate può presentare per il vostro meraviglioso felino.

Al primo posto ci sono naturalmente gli incidenti con le automobili. L’impatto con una macchina, soprattutto di notte, è una delle cause più frequenti di morte nei gatti. Un modo per evitare questo destino è sterilizzare i mici, così che d’estate non siano invogliati ad andare a caccia di prede o di partner sessuali.

I colpi di calore. Assicuratevi che d’estate il micio non rimanga mai chiuso in un posto troppo caldo. Una serra per esempio non è il posto più adatto.

Nei posti di mare un pericolo per i gatti, d’estate, possono essere gli ami da pesca: se per caso il micio inghiotte il vostro pesce con tutto l’amo, contattate subito il veterinario.

Un’altra fonte potenziale di pericolo per il vostro gatto possono essere alcuni antipulci usati per i cani, che per Fido sono innocui, ma che possono essere letali per i gatti.